Cinema estivo di Casa Malala

Un cinema al confine di Fernetti? Sì, proprio un cinema all’aperto vogliamo aprire a cento metri dal confine nazionale con la Slovenia, nell’ottica di un incontro multiculturale e internazionale per i residenti di Fernetti, Trieste e città vicine di ogni nazionalità e appartenenza.

A partire dal 30 Luglio, per quattro settimane, a Casa Malala (località Fernetti 16), struttura di accoglienza di richiedenti asilo, partirà la rassegna cinematografica dal titolo “Sun Cinema Casa Malala”.

Un film a settimana aprirà le porte del centro d’accoglienza a tutti i cittadini residenti e non. Visioni e street food internazionale per guardare tutti assieme “film dell’altro mondo” o “film fine del mondo” all’interno del giardino di Casa Malala. L’ingresso è libero.

Il gruppo del laboratorio musicale tenuto dal fisarmonicista sloveno ALEXANDER IPAVEC aprirà la prima serata di spettacolo, DOMENICA 30 LUGLIO a partire dalle ore 20, insieme al film “Zoran, il mio nipote scemo” di Matteo Oleotto, Italia/Slovenia 2013.

Casa Malala sarà ben lieta di accogliere tutte quelle persone che vorranno partecipare per un momento d’intrattenimento e convivialità internazionale.

Inaugurazione ciclofficina

Parte la ciclofficina di ICS! Giovedì 27 luglio alle ore 18, in Viale XX Settembre 104, verrà presentato il corso gratuito “Recupero, uso e manutenzione della bici” che inizierà a fine agosto. Un occasione di incontro dove poter imparare a sistemare la propria bici in una modalità collaborativa e partecipata.

Cos’è? Si tratta di un corso di recupero, manutenzione e uso della bicicletta. Avete una vecchia bici da sistemare e/o volete imparare come farlo? Questa è l’occasione giusta!

A chi è rivolto? La ciclofficina è aperta alle persone di tutte le età.

Quanto costa? L’attività è interamente gratuita.

Dove? Nel centro diurno della struttura di accoglienza di Viale XX Settembre 104 (angolo via Bonomo).

Quando? L’inaugurazione della ciclofficina si terrà giovedì 27 luglio alle ore 18, mentre il corso partirà verso la fine di agosto.

Info e iscrizioni: attivita@icsufficiorifugiati.org

Migrazioni tra mare, polemiche e umanità

Giovedì 20 luglio ore 21, al Parco di San Giovanni di Trieste, si terrà un interessante incontro con Loris De Filippi, Presidente di Medici Senza Frontiere Italia e Annalisa Camilli, giornalista di Internazionale.

Più di 60 milioni di persone nel mondo fuggono da guerre, violenze o povertà. Non sono criminali ma uomini, donne e bambini che hanno bisogno di cure mediche, sostegno psicologico e protezione. Per questo motivo, per il terzo anno consecutivo, MSF è impegnata in operazioni di ricerca, soccorso e assistenza medica nel Mediterraneo centrale. Il fatale tratto di mare tra Libia e Italia resta l’unica via per migliaia di persone che cercano di raggiungere le coste europee, rimanendo anche nel 2016 la rotta migratoria più battuta. MSF vuole riportare al centro del dibattito l’umanità dimenticata, chiedendo ai governi e alla comunità internazionale di affrontare il tema della migrazione non più come un problema di sicurezza ma come un’urgente questione umanitaria.
Durante la serata – tramite visori 3D di ultima generazione che permettono di vivere un’esperienza a 360 gradi – sarà possibile immergersi nelle drammatiche condizioni di chi è costretto a fuggire e a compiere gli estenuanti viaggi via terra e via mare che dalla Siria portano in Grecia e lungo i Balcani, o è costretto a vivere nelle baracche fatiscenti dei campi profughi del Sud Sudan.

Medici Senza Frontiere è la più grande organizzazione medico umanitaria indipendente al mondo creata da medici e giornalisti nel 1971. Oggi MSF fornisce soccorso in quasi 70 paesi a popolazioni la cui sopravvivenza è minacciata da violenze o catastrofi dovute principalmente a guerre, epidemie, malnutrizione, esclusione dall’assistenza sanitaria o disastri naturali. Nel 1999 ha ricevuto il premio Nobel per la Pace.
www.msf.it

LORIS DE FILIPPI Infermiere urgentista e presidente di Medici Senza Frontiere Italia. Negli ultimi vent’anni, ha partecipato a numerosi programmi di assistenza umanitaria, in situazioni di guerra, catastrofi naturali, campi profughi e violenza urbana in Paesi quali Siria, Mauritania, Repubblica Centrafricana e Ucraina. E’ stato responsabile dei progetti sui migranti in Italia dal 2002 al 2005. Ha coordinato interventi d’urgenza di particolare complessità, tra i quali lo tsunami del 2005 in Indonesia e il terremoto di Haiti del 2010. Nel 2015 ha lavorato a bordo di una delle navi di MSF per la ricerca e il soccorso nel Mediterraneo come coordinatore delle attività mediche. È da poco rientrato da Mosul (Iraq), dove era coordinatore dell’emergenza.

ANNALISA CAMILLI lavora a Internazionale dal 2007. Ha lavorato a Rainews24 e Associated Press. È laureata in filosofia politica.

“Musiche dal Mondo” al Castello di San Giusto

Domenica 16 luglio alle ore 11.00 al Castello di San Giusto di Trieste si terrà l’evento:

“Musiche dal Mondo”, con il Quartetto Chagall
e il violinista curdo Mustaf Saleem, richiedente protezione internazionale accolto da ICS nell’ambito del programma di accoglienza attivato con la Prefettura di Trieste.

L’evento è organizzato dall’associazione culturale “Arte e Musica”.

Giornata Mondiale del Rifugiato 2017: tutti gli appuntamenti

Il 20 giugno 1951 venne approvata la Convenzione sui Rifugiati da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Per ricordare l’evento, dal 2001 in questa data ricorre la Giornata Mondiale del Rifugiato. Anche Trieste si unisce ai festeggiamenti, ponendo l’attenzione sui diritti umani stabiliti dalle normative nazionali e internazionali, con una serie di iniziative pubbliche che vogliono sensibilizzare la cittadinanza sulle tematiche dell’asilo politico e creare un ulteriore ponte tra la comunità locale e i richiedenti asilo e rifugiati che vivono in città.

20 giugno, ore 19.00: Presentazione delle iniziative per la Giornata Mondiale del Rifugiato alla Stazione Rogers (Riva Grumula 14), con interventi di Gianfranco Schiavone (iCS), don Alessandro Amodeo (Caritas), assessore Gianni Torrenti (Regione Autonoma Friuli Venezia giulia), prefetto di Trieste Annapaola Porzio e assessore Carlo Grilli (Comune di Trieste).

Seguirà la presentazione del fotomosaico “MarePlurale” del fotografo Elio Germani. Videoinstallazione “Gibigiana” di Cecilia Donaggio Luzzatto-Fegiz. Sonorizzazione di Nazareno Bassi. In collaborazione con Cizerouno Associazione Culturale nell’ambito di “Varcare la frontiera #5 – Atlantidi”.

Chiuderà l’evento, dalle ore 20, il concerto di Eusebio Martinelli Gipsy Orkestar.

21 giugno, ore 17.30: presentazione del video “Un fragile asilo”
di Marco Coslovich, al Circolo della Stampa (Corso Italia 13).
Oltre all’autore del video, interverranno Gianfranco Schiavone (iCS) e Marianna Martellozzo (operatore dell’accoglienza).

22 giugno, ore 18.00: incontro “L’elogio del viaggiatore” con Aldo Becce e Gisele de Oliveira (Associazione Jonas onlus) a Casa “La Madre” Sprar Caritas Trieste (via Navali, 25). Fino ad esaurimento posti.

27 giugno, ore 19.00: presentazione del documentario “Un paese di Calabria”, in collaborazione con l’associazione Tina Modotti, all’osteria sociale Casa del popolo (via Ponziana 14).

1 luglio: dalle ore 17, al Parco di San Giovanni, laboratori rivolti a tutte le età, alle 18.30 al Posto delle Fragole inaugurazione della mostra “Change” di Alan Amini (rifugiata curda). Dalle ore 20.30 concerti di Tommy Kuti e Kento, negli spazi del Lunatico Festival.

Storie di accoglienza possibile / Zgodbe o možnem sprejemanju

Un gruppo di richiedenti asilo in carico al Consorzio italiano di Solidarietà veniva accolto tra il 2014 ed il 2016 al Villaggio del Pescatore.

Qual è stato l’impatto nella quotidianità? Quale ruolo hanno svolto le associazioni e la Parrocchia nel processo di conoscenza e di dialogo? Quali considerazioni e quali prospettive scaturiscono da questa rilevante esperienza?

Incontro con la Dott.ssa Alessandra Rita Sardina, autrice della tesi di laurea magistrale “Storie di accoglienza possibile: l’inserimento dei richiedenti asilo nel Villaggio del Pescatore di Duino”.

Casa della pietra di Aurisina lunedì 5 Giugno 2017 alle ore 18:00. Dialogherà con l’autrice della tesi il professor Michele Gangale. Interverrà Gianfranco Schiavone, Presidente del Consorzio italiano di Solidarietà.

– – – – – – – – – – – – – – – – –

Skupina prosilcev za azil v sklopu Italijanskega solidarnostnega konzorcija je bila med letoma 2014 in 2016 sprejeta v Ribiško naselje

Kakšen je bil vpliv na vsakdanje življenje
Kakšno vlogo so imela društva in župnija v procesu spoznavanja in dialoga, kakšna razmišljanja in kakšne perspektive izhajajo iz te pomembne izkušnje

Srečanje z dr. Alessandro Rito Sardina, avtorico specialistične diplomske naloge »Zgodbe o možnem sprejemanju: vključevanje prosilcev za azil v Ribiško naselje pri Devinu«

Kamnarska hiša Igo Gruden, ponedeljek, 5. junij 2017, ob 18. uri
Z avtorico se bo pogovarjal prof. Michele Gangale
Posegel bo Gianfranco Schiavone, predsednik Italijanskega solidarnostnega konzorcija