Respingimenti illegali: la società civile lancia una rete europea

Dieci organizzazioni in undici paesi europei hanno avviato una partnership con l’obiettivo di denunciare e contrastare l’uso illegale di respingimenti e altre violazioni dei diritti alle frontiere europee. La rete richiede responsabilità: la Commissione europea svolga un ruolo decisivo nel ritenere gli Stati membri responsabili e garantisca l’inclusione di meccanismi di solidarietà nel Nuovo Patto sulla migrazione.

Il sito: End Pushbacks

Le organizzazioni che compongono la rete: ASGI, Borderline Sicily, Elin Association, Human Rights 360, Intersos, Kesha Niya, Mobile Info Team, PIC, Progetto20K, Refugee Rights Europe.

L’obiettivo: documentare e denunciare il crescente numero di respingimenti.

Respingimenti: una tendenza sconcertante a livello europeo

Vi è una necessità sempre più urgente di un’azione concertata e collettiva contro i respingimenti, che rappresentano una risposta illegale all’asilo e alla migrazione.

In Grecia, i respingimenti in mare non sono cessati. A metà agosto è stato registrato un altro respingimento illegale al largo delle coste di Lesbo. La guardia costiera ellenica ha rifiutato il salvataggio di 34 persone nonostante le richieste di soccorso. 159 persone sono state sottoposte a respingimenti illegali nell’arco di una settimana. Le analisi dei filmati video della Border Violence Monitoring Network (BVMN) mostrano il coinvolgimento della guardia costiera ellenica nei respingimenti. Un’indagine del New York Times stima che 1072 persone siano state espulse illegalmente da marzo.

Al confine terrestre con la Turchia, la Grecia andrà avanti con i piani per estendere una recinzione di cemento e filo spinato. L’UNHCR ha invitato il governo greco a indagare sui reports e sui dati documentati sui respingimenti.

Nel frattempo, al confine croato con la Serbia, Asylum Protection Serbia ha segnalato respingimenti di 20 persone. I continui respingimenti oltre il confine con la Bosnia stanno creando sempre più affollamento nelle città di confine e una crescente crisi umanitaria.

Inoltre, l’Asylum Information Database (AIDA) ha rilevato un aumento dei respingimenti su entrambi i lati dei confini in più della metà dei paesi europei analizzati, tra cui Bulgaria, Ungheria, Polonia, Cipro, Spagna, Turchia, Romania, Serbia, Grecia e Italia, così come alle frontiere interne con altri Stati membri dell’UE.

Alla luce di ciò, il collettivo di organizzazioni transeuropee ha lanciato oggi una nuova iniziativa, per invitare le istituzioni dell’Ue e gli Stati membri ad assumersi le proprie responsabilità.

Cosa si dice a livello europeo sui respingimenti?

Negli ultimi anni, il silenzio a livello europeo sui respingimenti è stato assordante. Al Parlamento europeo, i deputati hanno richiesto un’indagine sul report relativi ai respingimenti dalla Grecia. Affrontando la violenza e le sparatorie al confine greco-turco nella primavera di quest’anno, l’eurodeputato Tineke Strik ha esortato la Commissione ad assumersi le proprie responsabilità e ha osservato che “le tendenze all’aumento della violenza e delle violazioni ai confini dell’Ue richiedono una risposta forte da parte della Commissione, comprese misure di monitoraggio indipendente ma soprattutto un’applicazione efficace e il divieto dell’impunità”.

Ciò ha fatto seguito a una lettera all’inizio di quest’anno in cui i deputati al Parlamento europeo hanno espresso preoccupazione “per le notizie relative ad aggressioni e violenze contro i richiedenti asilo da parte di agenti di sicurezza greci e uomini armati non identificati che li hanno respinti oltre il lato turco del confine”.

Più di recente, la commissaria europea per gli affari interni, Ylva Johansson, ha affermato che “i respingimenti sono contro il diritto europeo. Non possiamo proteggere i nostri confini europei violando i nostri valori ”.

Selma Mesic, coordinatrice del partenariato End Pushbacks, ha dichiarato: “Oggi ci siamo riuniti con partner in tutta Europa per lanciare un forte e inequivocabile appello al cambiamento. I respingimenti e le violazioni dei diritti umani alle frontiere sono illegali e inaccettabili e devono essere fermati. Vogliamo vedere la Commissione europea assumere una posizione più decisa contro queste violazioni effettuate dagli Stati membri e chiediamo l’introduzione di meccanismi di trasparenza più efficaci “.

Maria Paraskeva ed Evgenia Kouniaki, esperti legali dell’HumanRights360 in Grecia, hanno dichiarato: “La violenza legittimata e l’attuazione di pratiche illegali di respingimento nel confine terrestre europeo con la Turchia rafforzano l’immaginazione di un ‘interno’ sicuro e un ‘esterno’ insicuro , senza riguardo per il rischio di esposizione di questa popolazione a violazioni dei diritti di asilo e dei diritti umani. Queste pratiche espongono lo stato greco e l’Unione europea. Purtroppo, la politica ufficiale definisce i rifugiati e gli immigrati come “nemici” e “sgraditi”. Ciò consente ai gruppi di estrema destra di operare in questi paesi e di turbare le comunità locali “.

Livio Amigioni, al Progetto 20K al confine italo-francese, ha affermato: “In questa fase è necessario porsi alcune domande critiche. Ad esempio, perché gli stati continuano a operare respingimenti, investendo risorse preziose nella protezione dei confini quando è chiaro che questi sforzi sono inutili? È evidente che non è possibile frenare i desideri delle persone e nemmeno i loro movimenti. L’Europa deve svegliarsi e porre fine ai respingimenti adesso “.

Una persona respinta dalla Francia in Italia ha detto: “La gendarmeria mi ha arrestato sul treno, sono stati molto violenti e mi hanno quasi rotto la mano. Sono stato portato in detenzione per sette ore senza cibo e acqua, prima di essere rilasciato in Italia. Siamo esseri umani e abbiamo bisogno della protezione di tutti gli stati d’Europa ”.

Per informazioni
Selma Mesic, Coordinator, End Pushbacks Partnership
Selma.mesic@refugee-rights.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Secured By miniOrange